La cera

Chiusi gli occhi,….
Inspirai a fondo l’odore che aleggiava nella stanza, alla fragranza di vaniglia.
Sentii colare la calda cera sul collo, e scivolare fino a metà schiena.
Sussultai,…
Il desiderio fibrilló in me, tanto da
infiammarmi il basso ventre.
Al colare d’altra cera, strinsi le cosce in una reazione istintiva.
La mano afferrò il cuscino , il cuore batteva fortissimo.
Un gemito…

Quella mano che tanto amo,…mi spalmò la cera ormai tiepida su tutta la schiena,…

Afferratami alla nuca, mi fece alzare ponendomi corpo e braccia sollevate contro il muro.
Colse i capelli che cadevano lungo la schiena in una coda, che affrancò tra spalla e muro, comprimendomici bene per non farla scivolare.

Tante lunghe fascette di pelle, mi percorsero leggere la schiena, in una morbida carezza.
Una, …due volte,…
…FSHHH!!!!…
Una frustata secca e decisa.
Al di la del dolore misto piacere, sentii staccarsi un blocco di cera che cadde a terra spaccandosi in mille pezzi .
Le frustate vennero una in sequenza dell’altra, sempre più forti, fino a quando tutti i pezzi, anche quello più piccolo, non venne via.

Lasciò cadere a terra il gatto a nove code, per accarezzarmi dolcemente la pelle ormai rosea a causa dei tanti colpi ricevuti, mentre l’altra mano, andò in cerca di quel bottoncino tra le cosce, che tanto non vedeva l’ora di esplodere tra le sue dita dal piacere!…

IMG_1391-0.JPG

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...