Disegnando sulla pelle le sue voglie più perverse!

Odo un sibilo che aleggia,
la sua frusta mi accarezza.
Schiocca ancora ed è un impronta,
e il dipinto prende forma.

Nelle luci dell’aurora
la mia carne si colora.

Arde,
scotta…
…la mia testa si capotta.

Il mio corpo è in pieno fremito
Dalle labbra n’esce un gemito

Dopo tutto quel tormento,
ad un tratto delicata,
la sua man m’ha accarezzata.
Lui mi ha colta…m’ha abbracciata,
con lo sguardo m’ha stregata.

Dolce e cara schiavitù…
Non ti voglio lasciar più!
image

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...