Pergamena e calamaio

E al suo comando, mi sdraiai prona a mezzo busto a bordo di quell’immenso letto rotondo con le gambe divaricate e le braccia distese in avanti.
Restò affianco a me per qualche secondo, quando mi arrivò uno sculaccione sonoro.

Si allontanò di pochi passi…

Ero curiosa di scoprire le sue intenzioni, ma per qualche strana ragione tenni gli occhi chiusi.

A breve compresi con lo scoccar della frusta nell’aria…

I brividi ricoprirono per intero tutta la superficie del mio corpo.
Quei colpi secchi bruciarono come non mai.

Ero la sua pergamena, e la frusta il suo calamaio.

Scrisse un opera.

Strinsi quelle lenzuola tra le mani talmente forte che conficcai le unghie a punta nella carne mentre le nocche sembravano uscir dalla pelle.

Scrisse “righe e righe” di poesia.

Terminato, si avvicinò…
…Accarezzò la pergamena scritta in un vivido rosso…
…La sfiorò per rileggerla in braille…,
…e la baciò.

Annunci

Una risposta a "Pergamena e calamaio"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...