Punizione autoinflitta

Quella sera volli vestirmi di quella corda soffice e nera,…
…Legandomela, annodandomela addosso.
Accalorando attimo dopo attimo sempre più il mio corpo, rendendolo sempre più voglioso.
Sentirla scivolare sulla pelle accresceva il desiderio d’esser presa, presa con forza, domata e annullata sempre più imponentemente.
Sul clitoride un nodo ben piazzato, ebbe il potere di far emettere alla mia bocca gemiti continui ad ogni minimo movimento.
Lo inzuppai.
Costretta in quella rete vogliosa mi accarezzai, toccai, stimolandomi in tutti i modi fino a portar il mio desiderio al limite, per poi smettere.
Non godetti per ben tre volte.
Una tortura fisica e mentale, che bizzarro, mi eccitava ancor di più…

…L’indomani, fremente ed affamata come mai, in meno di venti secondi mi diedi il buongiorno scoppiando in un orgasmo deleterio stordendomi l’anima per diversi istanti…

  

Annunci

3 thoughts on “Punizione autoinflitta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...