Lussuria

La bendò perchè ne potesse godere ogni suo senso. Assaggiò la sua pelle che sapeva di ambra lasciando che nella sua bocca si sciogliesse l’essenza.

Accarezzò quella pelle, pergamena preziosa, come seta e come mai in quel momento sconosciuta alle sue mani, lui che tante volte invece in passato, aveva amato spesso dipingere come un quadro d’arte antica.

Eccitato ne ascoltava i gemiti elevati ad ogni colpo di frusta inflitto, canto di un amore mai svelato.

Fu allora che le si accostò ai fianchi e la tirò a sè fino a sentirla completamente sua.

Lui padrone del suo corpo, lei schiava delle sue interminabili voglie.

La amò per ore, con gesti e giochi che non aveva mai fatto. Viziosa, si lasciò insegnare nuove delizie che non conosceva, lasciandosi trasportare come mai.

Web

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...